copertina_picnic perfetto

Come organizzare un picnic perfetto

La bella stagione porta con sé un’irrefrenabile voglia di stare all’aria aperta. E soprattutto di mangiare totalmente immersi nella natura.

Fin da piccini siamo stati abituati a partire presto con la macchina dei nostri genitori la domenica mattina per allegre scampagnate in famiglia.

Momenti di cui abbiamo ancora affettuosi ricordi, legati anche ai piatti che ci preparava la nostra mamma.

Come possiamo organizzarci oggi, per essere all’altezza di quei bellissimi e indimenticabili ricordi ?

Innanzitutto scegliamo il posto: i parchi cittadini sono i luoghi ideali dove riossigenarsi fra le piante e seduti sull’erba.

Se abbiamo la fortuna di abitare vicino al mare, anche la spiaggia con l’ombrellone è un posto di grande fascino, soprattutto se ci organizziamo per la sera e ci godiamo le luci del tramonto.

Senza dimenticare la montagna, che con le sue viste mozzafiato è un grande classico, fortunatamente in Italia è facile averle vicine, grazie alle meravigliose Alpi e Appennini. Così come i laghi. Un po’ meno frequentati rispetto al mare, ma non meno ricchi di bellezza e romanticismo.

Un picnic può essere una bella occasione per passare una giornata con i propri amici e in famiglia con i bambini per godersi un pranzo in compagnia o una golosa merenda a metà pomeriggio.

Ma anche trascorrere qualche ora con la persona amata, soprattutto se organizziamo il picnic sul fare della sera, ed in versione gourmet.

Ma partiamo dall’ABC e dai primi consigli che sarebbe meglio seguire.

picnic_daltoscano

Cosa portare per un picnic all’aperto ?

Il modo più pratico per portare con noi tutto quello che ci occorre è usare un cestino da picnic.

Una soluzione comoda e di grande fascino per organizzare un picnic, soprattutto quando i cestini hanno uno stile vintage. Inoltre hanno il pregio di essere già attrezzati con piatti, bicchieri, posate e tovaglioli coordinati per 2, per 4 oppure per 6 persone. 

Un pensiero in meno per noi, che possiamo dedicarci alla scelta delle vivande.

Come colorata alternativa se vogliamo scegliere ogni singolo componente, in aggiunta da portare con sé per le pietanze preparate, utilizziamo colorate borse e porta bottiglia termici , in modo da conservare i prodotti in maniera ottimale e mantenerne anche il gusto come se fossimo a casa, soprattutto se intendiamo portare con noi dei salumi affettati, preparazioni come i carpacci, che necessitano di essere conservati al fresco e bibite nella loro bottiglia originale.

Ricordiamoci di portare anche delle termobottiglie, così da avere sempre acqua fresca. Soprattutto se pensiamo di fare un picnic al sole, o comunque in una zona abbastanza calda.

Un’idea divertente è quella delle borracce musicali WX di WD, negli eleganti colori oro e argento e che funzionano da vere casse,  collegandole mediante USB allo smartphone, per ascoltare la propria musica preferita in qualsiasi posto ci si trovi.

Come organizzare il cestino del cibo per un picnic

E’ giunto il momento di pensare alle ricette : un grande classico sono le insalate di pasta o riso freddo. Se vogliamo un’alternativa, sono perfetti i cereali come orzo, farro e quinoa. Se poi pensiamo anche alla salute, possiamo orientarci verso il sano mondo dell’integrale. Per portarle con noi sono praticissimi i contenitori ermetici  (anche di Pyrex) che possono essere usati anche per zuppe da servire a temperatura ambiente o fredde come un gazpacho o un salmorejo.

Sono l’ideale anche per trasportare torte salate già tagliate a fette (così ognuno avrà già la sua porzione preparata) e frittate.

Come dolce, possiamo portare le immancabili macedonie di frutta (ma anche spiedini per un servizio più divertente), da accompagnare a yogurt naturale dolcificato con miele di acacia e menta fresca. O una classica crostata di frutta, che accontenta sempre tutti. E perché no, anche una sbrisolona. Per noi mantovani è un grande classico.

Cosa portare nelle gite fuoriporta : le stoviglie riutilizzabili. Leggere, lavabili ed ecologiche

Per quanto riguarda le stoviglie da portare per la nostra gita fuori porta, pensiamo anche al rispetto per l’ambiente.

Evitiamo l’utilizzo di plastiche da gettare e gli usa e getta, a cui non possiamo dare una seconda vita a casa nostra.
Meglio orientarsi verso contenitori e stoviglie lavabili, in materiale leggero e facilmente trasportabile, come i piatti di Guzzini davvero eleganti nel loro effetto marmo, perfetti per portare sempre con noi il gusto per lo stile, anche fuori casa.

Quando ci troviamo ad organizzare un picnic non possiamo dimenticarci delle posate. Scegliamo una soluzione riutilizzabile e lavabile. Ci sono tantissimi set composti da forchetta, coltello, cucchiaino e cucchiaino in acciaio e leggero manico colorato davvero pratiche da portare con noi, avvolgendo magari ogni posto tavola nel suo tovagliolo, così da averli già pronti come segnaposto per ogni persona. In alternativa ci sono le posate in bambu’ pensate apposta per quando si è fuori casa, in una pratica confezione che le rende facilmente trasportabili, senza farle perdere dentro la borsa in mezzo a tutte le altre stoviglie. Un bel risparmio di tempo per noi che siamo sempre di corsa e temiamo di perdere anche la testa.

O le posate Store&Go ideate da Guzzini e trasportabili nella loro pratica  e coloratissima custodia salvaspazio, perfette per ogni situazione in cui si pranza fuori casa, anche durante la pausa pranzo. 

I tessuti

Per organizzare un picnic perfetto portiamo anche una tovaglia; è bello non rinunciare ad un po’ di eleganza anche quando si è fuori casa. Via libera a tovaglie colorate o le classiche a quadrettoni, che rappresentano la tradizione. Evitiamo invece di portarne una bianca, che attirerebbe fastidiosi insetti. Un’alternativa alla tovaglia sono le tovagliette lavabili non in tessuto, in materiali come il vinile, il polipropilene o pvc. Un colpo di spugna e sono sempre pulite, portando comunque colore in un contesto meno formale.

Per evitare tovaglioli di carta svolazzanti ai primi aliti di vento (quanto è difficile e fastidioso rincorrerli e raccoglierli tutti), preferiamo quelli in tessuto, abbinandoli ai colori delle tovagliette o a quelli dei piatti .

tovaglia per picnic

Pic-nic : una ricetta facile, veloce e gustosa per organizzare un picnic

Infine una piccola ricetta per voi, velocissima per organizzare un picnic : un’insalata di riso freddo (che puo’ essere preparata con il cereale che preferite, anche un mix) .

Insalata di riso con pesto di rucola e merluzzo

Ingredienti :

  • 300 gr. riso (anche integrale)
  • 150 gr. merluzzo sottolio (o in alternativa baccalà, ricciola o comune tonno)
  • 3 piccole coste di sedano bianco
  • 2 cetrioli
  • 15 olive nere private del nocciolo e tagliate
  • sale

Per il pesto di rucola :

  • 150 gr. rucola pulita
  • 2 cucchiai di pistacchi sgusciati
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
  • sale e pepe
  • olio e.v.o.
  • aglio

Preparazione

Sbollentare per pochi secondi la rucola in acqua salata. Scolarla e raffreddarla subito.

Scolarla bene e frullarla con i pistacchi, il formaggio, un pizzico di sale, un filo di olio e.v.o. e poca acqua fredda. Aggiungere una macinata di pepe e far riposare il pesto in una tazza strofinata di aglio, così che si amalgamino bene i sapori.

Passare il cetriolo intero con la buccia con il sale grosso (così da eliminare l’amaro e renderlo più digeribile). Spellarlo, eliminare la parte con i semi interni e tagliarlo a dadini. Pulire il sedano e tagliare anch’esso a dadini.

Lessare il riso in abbondante acqua salata, scolarlo al dente e raffreddarlo.

Condirlo con il pesto. Aggiungere il merluzzo sottolio scolato e spezzettato, le verdure a dadini e le olive. Regolare di sale e pepe e far riposare almeno mezz’ora prima di servire.

Un consiglio in più

Per una versione più leggera, potete prendere del merluzzo fresco o decongelato e ripassarlo in padella con un filo di olio e.v.o., sale e pepe. Una volta raffreddato, spezzettatelo grossolanamente e procedere come indicato nella ricetta.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.