Come si usa la pentola a pressione

La pentola a pressione è uno strumento utilissimo in cucina, permette di avere cotture sane e veloci con un conseguente risparmio di energia e di tempo. Vi abbiamo già raccontato come scegliere quella più adatta alle vostre esigenze, oggi ci concentriamo su come utilizzarla al meglio.

La pentola a pressione è l’ideale per cuocere patate, cereali, legumi secchi, carne e pesce. Si sconsiglia invece di utilizzarla per i legumi germogliati o freschi.

Un piccolo accorgimento: ci sono alimenti che a inizio cottura creano schiuma (farro, orzo, legumi, ecc.). Con la pentola a pressione non è possibile schiumare come durante le cotture tradizionali. In questi casi si può tenere la pressione al minimo all’interno della macchina, facendo cuocere con una fiamma molto piccola ed eventualmente utilizzando una retina spargifiamma, così che la schiuma si disperda. Un altro trucco è quello di non riempire troppo la macchina.

PRIMA DI COMINCIARE…

Prima della cottura a pressione, potete utilizzare la pentola senza coperchio come se fosse una pentola normale e preparare un soffritto o far rosolare i cibi che poi andrete a cuocere.

DSC_0397

STEP 1 – INSERIRE GLI ALIMENTI E IL LIQUIDO DI COTTURA

Inserite nella pentola gli alimenti da cuocere con una parte di liquido (acqua, brodo, succo di frutta, ecc. a seconda della ricetta). Solitamente servono circa 250 ml di liquido ma dipende da cosa andrete a cuocere. Con alimenti di grosse dimensioni solitamente serve più liquido.

È fondamentale che all’interno della pentola rimanga uno spazio vuoto, dove si andranno a creare il vapore e la pressione. Nelle pentole Lagostina è indicato il livello da non superare con alimenti e liquido di cottura.

Gli alimenti possono essere immersi nel liquido o essere cotti a vapore: la pentola a pressione può infatti essere dotata di un cestello per la cottura al vapore. In questo caso il liquido deve stare sotto all’alimento.

DSC_0422

STEP 2: CHIUDETE LA PENTOLA A PRESSIONE

Le pentole Lagostina danno due possibilità di pressione:

  • una più delicata per le verdure, i pezzi piccoli e il pesce;
  • una più forte per elementi congelati e i grossi pezzi di carne.

DSC_0402

STEP 3  – METTETE LA PENTOLA SUL FUOCO

Ponete la pentola a pressione su fuoco medio-alto. In qualche minuto la temperatura interna supererà i 100°C. A quel punto si deve abbassare il fuoco (o spostare la pentola su un fuoco più piccolo, eventualmente con retina spargifiamma se state cuocendo dei legumi) e cominciare a contare il tempo di cottura. Le pentole Lagostina sono dotate di un timer che scatta solo una volta che la pentola è andata in pressione.

Il tempi di cottura si riducono notevolmente utilizzando la pentola a pressione, solitamente si dice che dimezzano ma non ci sono regole fisse e questo dipende anche dalle dimensioni di ciò che state cuocendo. Se avete dei dubbi state scarsi con il tempo di cottura, potete sempre continuare la cottura in un secondo momento.

DSC_0410

STEP 4 – FATE USCITE IL VAPORE

Terminato il tempo di cottura, togliete la pentola dal fuoco, togliete il tappo e fate uscire il vapore. Potete ridurre i tempi mettendo la pentola sotto a un getto di acqua fredda.

DSC_0407

Se l’alimento non dovesse risultare ancora cotto, richiudete la pentola e riportatela sul fuoco, aggiungendo tempo di cottura.

STEP 5 – DOPO LA COTTURA

Tolto il coperchio avete una pentola normale e potete utilizzarla per far ridurre il sugo di cottura.

POLLO ALL’ARANCIA CON CARCIOFI IN PADELLA

Ricetta di Gianfranco Allari

DSC_0448

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 cosce e sovra cosce di pollo
  • Il succo di 2 arance
  • 1 arancia tagliata a rondelle
  • 60 g di olive taggiasche
  • 1/4 di bicchiere di olio extravergine d’oliva
  • Sale pepe

Per servire

  • 4 carciofi
  • 1 spicchio di aglio
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Sale e pepe

Esecuzione:

Riunire i pezzi di pollo in una ciotola e farlo marinare per almeno 4 ore con il succo di 2 arance, 50 ml di olio, sale e pepe.

DSC_0391

Nella pentola a pressione aperta rosolare i pezzi di pollo, ben scolati dalla marinatura, una volta terminato, insaporirli con sale e pepe, unire l’arancia tagliata  a rondelle il liquido della marinatura, chiudere la pentola e calcolare 18/20 minuti dal momento del fischio. Scaricare il vapore e aprire la pentola.

Intanto, pulire i carciofi dalle foglie più dure e poi tagliarli a spicchi e conservarli in acqua gasata, insaporire un filo d’olio in padella con lo spicchio di aglio, eliminarlo e unire i carciofi ben scolati, farli rosolare e abbassare la fiamma e portare a cottura, al termine sistemare di sapore con sale e pepe.

Servire il pollo con il suo fondo di cottura, le arance a fettine e i carciofi, cospargere il tutto con un trito grossolano di olive. 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.